IL MUSEO

 Storia

 Dimensione artistica

 Dimensione
 architettonica
 e urbanistica

 Dimensione sociale

TONY GARNIER

LE ATTIVITA

GLI AMICI DEL MUSEE URBAIN

  BOUTIQUE

    
    INFORMAZIONI
    PARTNERS
    CONTATTI






Dimensione sociale









La lotta degli abitanti

Dimensione eccezionale nella storia del Musée Urbain Tony Garnier, é certamente quella del ruolo determinante giocato dai suoi abitanti per rivalorizzare l'immagine del loro quartiere, troppo a lungo assimilata a quella dei sobborghi.

Il Musée Urbain Tony Garnier è il frutto delle loro lotte.
Raggruppati, dal 1983, in un Comitato di affittuari, gli abitanti reclamano ed ottengono la riabilitazione del loro quartiere. Bisogna dire che dalla loro inaugurazione svoltasi nel 1934, gli edifici realizzati da Tony Garnier non hanno beneficiato di alcun rinnovamento. I muri degli immobili sono anneriti. L'assenza di ascensori é dolorosamente risentita da una popolazione vecchieggiante. Gli edifici non rispettano più le norme del conforto. Gli affittuari hanno dovuto anche sistemare nei loro appartamenti le sale da bagno, inesistenti all'origine.

Durante 12 anni, il Comitato di affittuari si farà porta-parola degli affittuari presso l'OPAC dei Grand Lyon, per difendere i loro interessi, ottenere un'evoluzione del programma di riabilitazione lanciato nel 1985, e sorvegliare sulla buona realizzazione dei lavori.

I suoi rappresentanti parteciperanno a tutte le riunioni di cantiere settimanali, diventando cosí dei veri professionisti della riabilitazione e dei mediatori impareggiabili.

Dal loro incontro con gli artisti della Cité de la Création, agli inizi del 1988, nascerà l'idea del Musée Urbain Tony Garnier. Gli abitanti se ne faranno accesi promotori presso gli eletti, l'OPAC del Grand Lyon e i servizi tecnici concernenti lo Stato e le collettività territoriali.

Sottolinenando il carattere patrimoniale del quartiere, mettendo in evidenza la figura emblematica di Tony Garnier, e ottenendone la creazione di un luogo culturale unico, hanno largamente contribuito alla valorizzazione dell'immagine del quartiere presso gli abitanti dell'agglomerato urbano lionese.


Memoria del quartiere Etats-Unis

Il 2004 segna il 70° anniversario dell'inaugurazione della Cité di HBM realizzata da Tony Garnier. In questa occasione, il Musée Urbain Tony Garnier porta avanti un importante lavoro di ricerca sulla storia del quartiere degli Etats-Unis. I suoi obiettivi sono:

-Raccogliere la memoria vivente del quartiere degli Etats-Unis;
-Trasmettere questa storia ai nuovi abitanti;
-Sensibilizzare gli abitanti al valore patrimoniale della storia dell’ambiente in cui vivono.

Gli abitanti sono al centro di questo progetto.


Molteplici attività

a) La raccolta di testimonianze

Si tratta di raccogliere la storia del quartiere Etats-Unis come risulta dalla memoria di coloro che vi hanno abitato. Questa raccolta è organizzata nel quadro di interviste individuali o collettive. Ma anche nel momento d'incontro “Pause Café”, nell'appartamento museo degli anni 30.

b) Le ricerche documentarie

Completano la raccolta di testimonianze. Si tratta stavolta d'ottenere una visione più scientifica della storia del quartiere degli Etats-Unis, attraverso ricerche negli archivi, personali o istituzionali.

c) Le restituzioni al pubblico
Sono previste numerose restituzioni al pubblico: esposizioni, emissioni radio, pubblicazioni, creazioni di visite-spettacolo, messa in linea d'informazioni su Internet, ecc...



Richiedete il programma

Il nuovo spazio accoglierà prossimamente l'esposizione:
“Mémoires Urbaines" : Da Tony Garnier al Musée Urbain: Memorie del quartiere degli Etats-Unis”.

Esposizione al Musée Urbain Tony Garnier (4, Rue des Serpollières-69008 Lione). A partire de 2005.


Volete partecipare?

Per partecipare a queste attività, contattateci al:

Musée Urbain Tony Garnier
4,rue des Serpollières
69008 LYON
Tel. 04 78 75 16 75

musee@mutg.org

Progetto realizzato in collaborazione con il Centro Sociale del quartiere Etats-Unis e LaPsUs, gruppo di voce e movimento. Finanziato nel quadro della politica della città dal Comune di Lione, la Regione Rhône-Alpes, lo Stato (DRAC) e il FASILD.


inizio pagina